Storia Sportiva - Registro Aurelia

Vai ai contenuti
La storia Sportiva
Aurelia_carrera_1952.jpeg
Aurelia_Liegi_Roma_Liegi_1951.jpeg
Aurelia_MM_52_Fagioli.jpeg
Aurelia_sestriere_1951.jpeg
B21_Monte_1953.jpeg
B24_millemiglia_1957.jpg
Debutto_aurelia.jpeg
Montecarlo_1955.jpeg
Toscana_1954.jpeg

L'Aurelia è il primo modello Lancia ad ottenere notevoli successi sportivi anche a livello internazionale.
Le qualità velocistiche si sono rivelate sin dalle prime uscite in corsa, quando a gareggiare è stata la "pacifica" berlina B10 (con motore di cilindrata da 1 litro e 3/4), ma il salto di qualità avviene l'anno dopo, nel 1951, quando esce la B20 coupé da 2 litri e quando anche la berlina può essere dotata del motore maggiorato (modello B21).
Il 1951 vede dunque scendere in campo, accanto alle berlina B21, un nugolo di coupé del nuovo tipo B20, che subito mettono in mostra notevoli doti di maneggevolezza e velocità affermandosi nelle più importanti corse su strada (Mille Miglia in primis) ma anche su pista (Le Mans). La stessa Lancia, in prima persona, allestisce alcune B20 speciali, partecipando in veste semi-ufficiale alle maggiori gare internazionali. Lo stesso accade nel 1952 (con la B20-2000 seconda serie, che si illustra alla Mille Miglia ed alla Targa Florio) e nel 1953 (con la nuova B20-2500) anno in cui però la Casa torinese dedica le sue attenzioni ai modelli più prettamente corsaioli (D20, D23, D24) "abbandonando" le B20, che però avranno lunga e gloriosa vita sportiva grazie ai privati che la porteranno in gara sino ai primi anni sessanta.
Ma prima di andare in pensione, nel 1954 l'Aurelia si toglie il non piccolo sfizio della vittoria assoluta al Rallye di Montecarlo con la B20 GT 2.500 di Louis Chiron e Ciro Basadonn, terminando poi definitivamente la propria carriera agonistica il 20 Aprile 1958 nel Trofeo Franco Venturi vicendo la categoria " Gran Turismo classe oltre 2000".


registroaurelia @mac.com - © - 2022 - All rights reserved  - Created with WebSite X5

Torna ai contenuti